CONDIZIONARE O ESSERE CONDIZIONATI

Siamo veramente in grado di prendere una decisione senza essere condizionati dal mondo, dalla cultura, dall’educazione, dal dovere o dalle paure?
Spesso mi sono chiesta quanto sono capace di ascoltare il mio io interiore, questa piccola voce interna, per seguire il mio cammino. Bach in tutti i suoi scritti sottolinea proprio l’importanza di liberarsi da tutte le influenze esterne.
In Libera te stesso scrive: ” I nostri veri bisogni, i desideri dell’anima, non devono essere scambiati con i desideri e i bisogni che ci mettono nella mente le altre persone, o con il senso del dovere, che è solo un’altra espressione per indicare la stessa cosa.
Non dobbiamo far caso all’interpretazione che il mondo da alle nostre azioni, perché solo la nostra anima è responsabile del nostro benessere e i desideri dell’anima non sono mai egoismo, Sono desideri che fanno parte di noi, sono  tanto importanti che, se soddisfatti, portano salute fisica e mentale”.
Spesso infatti vedo intorno a me persone insoddisfatte, scontente e non realizzate, frustrate e rassegnate. Chi si stupisce se in queste condizioni si ammalano?
Bach ci insegna che la malattia è la conseguenza sul piano fisico della resistenza della personalità alla guida dell’anima.
Ci ammaliamo se siamo sordi a quella piccola dolce voce che ci parla attraverso la nostra intuizione, i nostri istinti, i nostri gusti, in modo da renderci facile l’individuarne l’ascolto e dimentichiamo il divino che sta dentro di noi, se cerchiamo di imporci e manipolare gli altri, se accettiamo che  i loro consigli, i loro pensieri, i loro  comandi ci influenzino.
I Fiori di Bach ci offrono un grande aiuto per rafforzare la nostra personalità e per essere sempre più in grado di operare veramente scelte che rispondano alle esigenze dell’anime. Se ho paura, sogno di fare cose che però non avrò mai il coraggio di realizzare.
Me se supero la paura, potrò decidere di agire, libera dal condizionamento interiore. E poi, magari, ciò che desideravo non mi apparirà più tanto importante come quando era un sogno irrangiungibile. Anche i pregiudizi influiscono sulle decisioni e su come ci si comporta nella vita. E’ quindi necessario un salto di qualità, una crescita interiore in tolleranza e flessibilità per superare questi limiti. Nel corpo troviamo somatizzate le nostre disarmonie, che sono le vere cause della malattia, come la paura, l’indecisione, il dubbio ed altro.
Perciò scrive Bach: ” La malattia è il risultato di influenze: se manipoliamo gli altri ma anche se gli altri interferiscono nelle nostre iniziative”.

Gabi Krause