Archivi tag: cambiamento

LUTTO – sostegno in un momento difficile

star of bethlehem 1fSOSTEGNO CON LA FLORITERAPIA 

docente: Dott.ssa Gabriele Krause

sabato 7 novembre 2015 dalle 9.30 alle 13.00

monotematica della formazione in floriterapia (2° anno)

presso “il ginkgo”, Via Stefini 7 – Milano

Info e iscrizione: 338 6067653 Gabi

Floriterapia nell’adolescenza

FLORITERAPIA NELL’ADOLESCENZA

 L’adolescenza è una fase della vita caratterizzata da molte trasformazioni e anche per questo molto delicata e vulnerabile. I primi cambiamenti ormonali fanno prendere coscienza di questo passaggio nella vita adulta e soprattutto della polarità sessuale sempre più spiccata. Il cambio di voce negli uomini, lo sviluppo del seno nella donna sono i due segnali più importanti e portano entrambi i sessi ad avere una consapevolezza diversa del proprio corpo. A volte questo cambiamento è un po’ precoce (il menarca è sempre più anticipato, a volte anche a 10 -11 anni) o comunque vissuto male per interferenze culturali e familiari. Le informazioni ricevute sono in genere sommarie: la famiglia a volte è assente, la scuola insufficiente, la comunicazione on line varia e virtuale, se non addirittura distorta e pericolosa. Continua Floriterapia nell’adolescenza

ADOLESCENZA E FLORITERAPIA

LA FASE ADOLESCENZIALE SOSTENUTO CON LA FLORITERAPIA

gestisce la lezione: Patrizia Roberti

 

La lezione fa parte della formazione triennale di floriterapia (terzo anno)

 

Sabato 21 febbraio 2015,  dalle 9.30 alle 18.00

presso il centro: il ginkgo

informazioni: 3386067653  Gabi o 348 7735781 Patrizia

FIORI DI BACH: UN CONSIGLIO FLORI-OLISTICO PER L’INVERNO

Crab Apple particolarmente indicato contro le secrezioni, virus e batteriL’inverno porta il buio, il freddo, le piogge, la neve, ma anche tante ore al chiuso; un ottimo “terreno” per i virus influenzali, che si manifestano con una vasta sintomatologia, dal mal di gola alla cefalea, alla tosse, al raffreddore, ai dolori osteomuscolari, ai problemi gastrointestinali, alla febbre.

La vera causa della malattia, però, non è il virus o l’inverno ma una “disponibilità” ad ammalarsi per diversi motivi: magari il troppo lavoro, del quale tendono a caricarsi le personalità Oak con la loro infinita voglia di fare, sfruttando la propria notevole capacità di resistenza. Solo un Oak lavora ancora con 39 gradi di febbre e non riconosce i propri limiti fisici. A rischio sono anche i soggetti Olive, con la grande stanchezza dopo il troppo lavoro e la voglia di dormire e di riposo, e i Centaury, per la loro iperdisponibilità e l’incapacità di prendersi il proprio spazio. Continua FIORI DI BACH: UN CONSIGLIO FLORI-OLISTICO PER L’INVERNO